West Nile Virus, le misure di sicurezza nelle province italiane…In aggiornamento.

I provvedimenti adottati dal Centro nazionale sangue per prevenire i contagi sono in costante aggiornamento

Aggiornamento a lunedi 15 novembre 

Toccano quota trentaquattro le province italiane interessate dalle misure di sicurezza adottate dal Centro nazionale sangue per prevenire il contagio del West Nile Virus.

L’ultima circolare, in ordine cronologico, è quella di venerdì 12 novembre con cui vengono fatti scattare i provvedimenti per i territori di AstiCuneo Torino a seguito del riscontro di positività in alcuni esemplari dell’avifauna locale.

La circolare di venerdì 1° ottobre fece scattare i provvedimenti anche per il territorio di Varese, a seguito del riscontro di positività in un esemplare di avifauna nel comune di Ferno.

Prima ancora, l’ultima in ordine cronologico era stata Sassari. La circolare emanata nel pomeriggio di lunedì 20 settembre annuncia l’adozione dei provvedimenti dopo il riscontro di positività emerso in un esemplare dell’avifauna locale.

Dopo la circolare di lunedì 13 settembre, che a seguito del riscontro di un “caso neuroinvasivo segnalato sulla piattaforma per la Sorveglianza delle arbovirosi” ha esteso i provvedimenti per la provincia di Milanomartedì 14 era stata la volta del territorio di Vicenza.

Venerdì 3 settembre le misure avevano riguardato le province di Novara e Nuoro. Come riportato sulla circolare, è stata riscontrata positività in pool di zanzare nel comune di Parona (provincia di Pavia) in trappola parlante anche per la provincia di Novara e su esemplare di avifauna nella provincia di Nuoro

Lunedì 30 agosto si era aggiunge la provincia di Padova, a seguito di riscontro di positività in esemplare di avifauna nel comune di Cadoneghe.

Venerdì 27 agosto i provvedimenti erano stati estesi alla provincia di Monza e Brianza, a seguito di riscontro di positività in donatore di sangue.

Lunedì 23 agosto era stata aggiunta la provincia di Brescia, a seguito di un riscontro di positività in un gruppo di insetti nel comune di Remedello.

Giovedì 17 agosto erano scattati i provvedimenti nella provincia di Lodi a seguito, come si legge nella circolare del Cns, del “riscontro di positività in un pool di zanzare nel comune di Caselle Landi”.

Martedì 17 Treviso Verona si erano aggiunte agli altri territori dopo le positività nei comuni di Ponte di Piave, Erbè e Nogarole Rocca.

Nei giorni precedenti il Cns aveva esteso i provvedimenti anche alle province di Gorizia Pordenone: in quest’ultimo caso, la positività al virus è stata riscontrata in un caso umano.

Nella giornata di venerdì 6 agosto il Cns ha emanato due circolari. La prima, in tarda mattinata, per annunciare che i provvedimenti erano scattati nelle province di Cremona Parma a seguito del “riscontro di positività in un pool di zanzare nel comune di Zibello e, in trappola parlante, proprio nel cremonese”.

Ricordiamo che la trappola parlante è lo strumento con cui l’Istituto superiore di sanità raccoglie le zanzare sull’intero territorio nazionale per capire se siano infette o meno. Si chiamano “parlanti” perché sono posizionate in zone di confine e quindi in grado di comunicare a più zone geografiche la presenza del virus.

La seconda circolare, nel corso del pomeriggio, annunciava le misure di sicurezza anche per la provincia di Pavia, dove la positività era stata riscontrata nei comuni di Tromello e Broni.

Giovedì 5 agosto i provvedimenti erano scattati a Vercelli.

Martedì 3 agosto le misure avevano riguardato, invece, Rovigo dopo il riscontro di positività in un pool di zanzare nel comune di Occhiobello.

Lunedì 2 era stata la volta di Udine: in quel caso la positività era stata segnalata nel comune di San Michele al Tagliamento (Venezia).

Nella giornata di venerdì 30 luglio le circolari erano state due. La prima, nella mattinata, ha fatto scattare le misure nel territorio di Venezia, mentre la seconda, nel corso del pomeriggio, ha riguardato invece Alessandria.

Martedì 27 luglio era stata la volta di Mantova Reggio Emilia. Prima ancora, venerdì 23, Piacenza.

Giovedì 22 era stato quello di Ravenna il territorio interessato, mentre prima era toccato a Bergamo, con le misure scattate a seguito del riscontro di positività registrato nei comuni di Calcinate e Caravaggio.

Il 20 luglio la circolare aveva coinvolto invece le province di Bologna e Ferrara che si erano aggiunte a​​​​​ La Spezia e Modena.

In riferimento a quanto indicato nel documento dello scorso 26 maggio 2021, “per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nell’area interessata si raccomanda di utilizzare il testWNV NAT quale alternativa al provvedimento di sospensione termporanea per 28 giorni“.

A questo link è possibile consultare la carta sinottica del CNS, mentre qui di seguito il riepilogo delle province italiane interessate dalle misure di sicurezza: AlessandriaAstiBergamoBolognaBresciaCremonaCuneoFerraraGoriziaLa SpeziaLodiMantovaMilanoModenaMonza e BrianzaNovara e NuoroPadovaParmaPaviaPiacenzaPordenoneRavennaReggio EmiliaRovigoSassariTorinoTrevisoUdineVareseVeneziaVercelliVerona e Vicenza.