Prenotazione e Triage… il futuro dell’Avis

Non ci sono pericoli di contrarre il Covid-19 per chi dona il sangue, ma è importante rispettare tutte le disposizioni date dai DPCM del governo nazionale e dalle ordinanze del presidente della regione siciliana. E’ necessario quindi prenotare la propria donazione al fine di evitare assembramenti, attraverso una fila sicura, garantendo il distanziamento fisico,  ad ogni donatore viene misurata la temperatura, con l’obbligo di indossare la mascherina e chiesto se ha avvertito sintomi o, è stato a contatto con persone positive al Covid-19. Quesiti di prevenzione necessari alla sicurezza del donatore e al personale volontario, medico e paramedico che opera nella sede associativa.

È il messaggio, con l’invito a diventare donatori, che in questi primi giorni settembre, il presidente di Avis Regionale Sicilia lancia alle Avis Siciliane. Nonostante il leggero aumento dei contagi, soprattutto nel centro e nord Italia, e la mancanza di test sierologici in alcune province siciliane per scelte Aziendali, sicuramente non condivise anche da parte dei presidenti provinciali.

Va ribadito che non esistono evidenze scientifiche di una trasmissione del virus per via trasfusionale, mentre continuano ad essere importanti  le scorte necessarie di sangue e plasma che occorrono per tutte le attività ospedaliere.