Consapevoli di essere donatori di sangue e di vita

I donatori di sangue sono da sempre delle persone speciali, questo noi dell’Avis lo sappiamo e ne siamo consapevoli. Oggi però, a Modica, la realtà mostra qualcosa che non va: un calo delle donazioni in modo drastico. Cosa vuol dire? Che le persone speciali sono meno speciali? No, forse dobbiamo cercare di andare loro in aiuto e rassicurarli, cercare in modo razionale e logistico di rendere la donazione un atto semplice e non un percorso ad ostacoli.
Purtroppo la sede dell’Avis di Modica, in questo momento molto particolare, non gioca a nostro favore poiché è all’interno della struttura ospedaliera. Usando solo per il momento la scala di emergenza e quindi, evitando il passaggio all’interno dell’ospedale, si potrebbe aiutare il donatore a sentirsi meno esposto a rischi, si semplificherebbe l’accesso direttamente alla sede. Questo è un momento difficile per tutti e un donatore è prezioso, generoso, umano, speciale e noi vogliamo che lo sappia.
Anna Rita volontaria del servizio civile dell’Avis di Modica