Bilancio positivo… l’Avis continua a crescere in donatori, donazioni e solidarietà.

Si sono conclusi Domenica alle 13.30 i lavori della 49 assemblea regionale dell’Avis Sicilia. Approvate all’unanimità tutte le relazioni presentate all’assemblea molto partecipata dai delegati persone fisiche che giuridiche. Il confronto aperto con la rappresentanza delle delegazioni siciliane ha reso più produttive le risultanze. Tantissime le presenze in seno ai lavori assembleari  con interventi di spessore e di supporto ai temi del volontariato e del dono del sangue. L’assessore Fabio Cantarella  ha portato il saluto della città di Catania, la disponibilità del magnifico rettore dell’università di Catania Francesco Basile, del presidente dell’ordine dei medici provinciale di Catania Diego Piazza e del suo vice Francesca Catalano. L’autorevole intervento del portavoce del forum del Terzo Settore Pippo Di Natale con la presenza dei CSV di Palermo con Biagio Cipolla e di Salvo Raffa, e del presidente del Co.Ge. Sicilia Vito Puccio. La vicinanza della Fidas regionale con Salvatore Caruso e i medici trasfusionisti Dario Genovese oltretutto consigliere nazionale con il dott. Nuccio Sciacca direttore del servizio di immuno ematologia del P.O. Garibaldi e il dott. Mario Lombardo direttore della Medicina Trasfusionale del Cannizzaro, assieme alla dottoressa Marica Pagano che da medico trasfusionisti ieri, oggi volontaria per la formazione e l’informazione su temi sanitari. L’assessore Ruggero Razza ha testimoniato il rapporto di collaborazione incisiva con le associazioni per la crescita del sistema e per raggiungimento con l’apporto di tutti dell’autosufficienza ematica.

Sabato pomeriggio è stato approvato all’unanimità l’adeguamento allo statuto di Avis regionale Sicilia alla normativa 117 del 3 luglio 2017 con la presenza del notaio Giovanni Vacirca. Arricchito, dalla partecipazione delle Avis provinciali, dagli interventi dei capi delegazioni e di delegati che hanno espresso e suggerito ottimizzazioni a vantaggio di uno strumento che ha visto il riconoscimento del comitato medico scientifico, curato da Marcello Romano, della consulta donne diretta diligentemente da Natalina Petralito, della consulta giovani che esiste da sempre e mai riconosciuta come organismo se pur solo consultivo di una Avis che cresce per donazioni e donatori. Anche la conferenza dei presidenti coordinata da Enzo Li Pira oggi considerata non solo nel nuovo modello di statuto, ma anche come punto di forza e di collegamento diretto con le 165 Avis comunali della Sicilia. Vorrei ringraziare il Gen. Franco Malerba presidente dell’Avis comunale di Catania sede ospitante, ma soprattutto il presidente dell’Avis provinciale di Catania Carlo Sciacchitano organizzatore dell’evento e portatore altruismo e solidarietà, cosi come tutti i volontari che hanno dato con gratuità il proprio apporto.   Orgoglioso di questa Avis e di questi dirigenti che dopo un’ampio dibattito e confronto, in modo coeso e tutti insieme abbiamo dato uno strumento che ci permette anche in rete di partecipare a tutto cio’ che è sociale. Grazie, grazie, grazie… Salvatore Mandarà.